febbraio 7, 2018

ciao a tutt*, questo blog non è più aggiornato e se siete interessat* al cinema a Torino potete continuare a seguire in particolare https://www.agendacinematorino.it

SeeYouSound IV e la Mostra #SoundFrames da domani a Torino!

gennaio 25, 2018

Dopo Tff e Fish&Chips ecco che arriva il più dinamico festival di cinema torinese: il Seeyousound. International Music Film Festival di Torino giunge alla sua quarta edizione (da domani, 26 gennaio, e fino al 4 febbraio) e sembra volare altro: tra i vari sponsor privati che ne permettono la realizzazione, SYS IV si fa ancor più forza che negli ultimi anni del sostegno del Museo Nazionale del Cinema che proprio domani – non a caso – inaugura #SoundFrames. Cinema e musica in mostra, un nuovo percorso espositivo che si srotola nell’aula del Tempio della Mole Antonelliana e sarà visitabile fino al 7 gennaio 2019 per un intero anno di incontri ed eventi a tema musicale.

Anche la sera d’apertura di di SYS IV, domani sera al Cinema Massimo, è realizzata con il Museo Nazionale del Cinema e prevede la proiezione del film muto Ingeborg Holm di Victor Sjöström, musicato dal vivo da Corrado Nuccini, Iosonouncane ed Enrico Gabrielli…. a seguire dieci giorni di anteprime, doc e fiction, e performance live!

Tutte le info su http://www.seeyousound.org/

Cinema (e non solo) nella Torino degli anni ’60: il 22 maggio in Unione culturale

maggio 17, 2017

Lunedì 22 maggio, ore 18,00-23,00, Unione culturale Franco Antonicelli, via C. Battisti, 4b, ingresso libero
L’Unione culturale e il ricercatore indipendente Fabio Scandura organizzano WE LOVE EYES SCREEN. RITORNO AL NAC, TORINO 1967-2017, una maratona di proiezioni, reading e testimonianze a cinquant’anni esatti della grande rassegna del New American Cinema curata da Jonas Mekas per l’UC nel maggio del 1967. Dopo mezzo secolo si riuniranno nei sotterranei di Palazzo Carignano molti dei cineasti sperimentali e degli artisti che all’epoca avevano base a Torino. Tra le proiezioni un’intervista inedita al direttore artistico dell’Associazione negli anni Sessanta Edoardo Fadini, un film sul Living Theater di Alfredo Leonardi, un filmato girato da Paolo Gobetti con Mekas proprio nel 1967 e conservato dall’Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza, i primi film di De Bernardi, Menzio, Pia Epremian. Non mancheranno poi una merenda sinoira offerta ai partecipanti e una piccola mostra di documenti tratti dagli archivi dell’Unione culturale oggi conservati presso il Polo del 900 di Torino.
Info: http://www.unioneculturale.org/2017/01/new-american-cinema-1967-2017/

https://www.facebook.com/events/1874826696120099/

Piemonte Movie (8-12 marzo)

marzo 5, 2017

Torna con la sua nuova edizione il Piemonte Movie G-Local film festival, quasi per intero al Cinema Massimo (sala 3) dall’8 al 12 marzo: molte le anteprime di film corti e lunghi.
piemontemovie2017Ecco il programma completo:

 

Thom Andersen (27/02) e Filmidee (27/02-05/03) a Torino

febbraio 25, 2017

La rivista  Filmidee organizza la prossima settimana un omaggio al regista Thom Andersen (il 26 febbraio a Milano, dal 27 a Torino e il 1° marzo a Roma) curato da Tommaso Isabella e Gianmarco Torri. Lunedì 27 al Cinema Massimo di Torino, in collaborazione con l’AMNC, saranno presentati i suoi ultimi film: The Thoughts That Once We Had (2015), omaggio ai celebri testi sul cinema di Gilles Deleuze, Juke – Passages from the Films of Spencer Williams (2015), omaggio a un pioniere del cinema afro-americano, e A Train Arrives at the Station (2016), omaggio al treno lungo la storia del cinema. La mattina seguente si approfondirà il discorso in una masterclass (sala Il Movie, ore 10-13), aperta al pubblico.  Andersen inaugurerà così la residenza prevista dal progetto Video Essay: a New Way to See (Torino, 27 febbraio – 5 marzo), realizzata da Filmidee con il contributo della Compagnia di San Paolo nell’ambito del bando “ORA! Linguaggi contemporanei, produzioni innovative”, in cui per una settimana giovani studiosi saranno affiancati da filmmaker per comporre una storia segreta del cinema italiano in 8 cortometraggi: da martedì a sabato (tranne giovedì) presso Luoghi Comuni San Salvario (via San Pio V 11) tutte le sere alle ore 21 si terranno proiezioni di film dei tutor del progetto.

In mezzo alla settimana, il 2 marzo alle ore 2030 presso il Polo del 900 (via del Carmine 14) Filmidee e l’Unione culturale presentano To the wonder. Gli ultimi visionari (Agenzia X, 2016), l’annuario cinematografico cartaceo della rivista, a seguire proiezione di corti di Fatima Bianchi, Anna Franceschini, Diego Marcon; info complete: http://www.unioneculturale.org/2017/01/gli-ultimi-visionari/

Ron Lipman a Torino, workshop sabato 11 febbraio

febbraio 7, 2017

LA PERSISTENZA DELLA RE-VISIONE

Illustrated lecture di Ross Lipman sul restauro cinematografico

A cura di Reading Bloom

Sabato 11 febbraio ore 16-19

Unione culturale Franco Antonicelli

via Cesare Battisti 4b Torino

Restaurare pellicole cinematografiche è una sfida nei confronti del tempo, implica la ricerca di un equilibrio responsabile tra distruzione e rigenerazione. A parlare di questa meravigliosa pratica che si colloca tra arte e artigianato, venerdì 10 e sabato 11 febbraio sarà a Torino un esperto internazionale in materia, il cineasta, archivista e restauratore Ross Lipman.

Lipman, che è stato a lungo Senior Film Restorationist presso lo UCLA Film & Television Archive, terrà un workshop sul restauro cinematografico sabato 11 febbraio dalle ore 16 in Unione Culturale Franco Antonicelli (via Cesare Battisti 4b Torino). L’autore statunitense mostrerà a esperti e appassionati alcuni dei suoi più importanti restauri come “Shadows” di John Cassavetes, “Killer of sheep” di Charles Burnett e “The Connection” di Shirley Clarke. Ci sarà spazio per proiettare diversi frammenti di film e per illustrare al pubblico italiano anche i progetti più recenti, legati al celebre artista d’avanguardia Bruce Conner considerato – malgrado le sue intenzioni – il padre dei videoclip di MTV.

Il costo del workshop è di 15 euro ma si riduce a 12 euro per chi si presenterà con il biglietto della proiezione del 10 febbraio sera al Cinema Massimo dove Ross Lipman presenterà  lo straordinario restauro in 4k di “FILM” (1965) di Alan Schneider – scritto da Samuel Beckett e interpretato da Buster Keaton – e il ricchissimo documentario “NOTFILM” dello stesso Lipman. Organizza la neonata società di distribuzione Reading Bloom in collaborazione con Milestone Films, il Museo Nazionale del Cinema e il patrocinio del DAMS di Torino.

Ross Lipman è un filmmaker indipendente e uno dei massimi esperti mondiali nel restauro del patrimonio cinematografico. Negli ultimi sedici anni ha lavorato alla UCLA Film & Television Archive curando i restauri di numerose pellicole d’autore tra cui Shadows di John Cassavetes, Killer of Sheep di Charles Burnett, il documentario premio Oscar The Times of Harvey Milk di Rob Epstein, e ancora: opere di Charlie Chaplin, Orson Welles, Shirley Clarke, Kent Mackenzie, Barbara Loden, Thom Andersen, Kenneth Anger e Robert Altman. Lipman è attualmente impegnato nel restauro delle pellicole dell’artista americano Bruce Conner, che sono comprese nella ricca retrospettiva “Bruce Conner: It’s All True”, in mostra al MoMa (3 luglio – 2 ottobre  2016) al SFMOMA (29 ottobre 2016 – 22 gennaio 2017) e al Museo Reina Sofia (22 febbraio  2017 – 22 maggio  2017). Proprio a Crossroads (1976) di Conner Lipman ha dedicato il suo ultimo progetto: The Exploiding Digital Inevitable, una “performance–essay” che ha debuttato in prima mondiale il 29 gennaio 2017 all’International Film Festival Rotterdam (IFFR).

Per l’impegno profuso nella conservazione e nel restauro del patrimonio cinematografico, Lipman è stato insignito di numerosi premi e onorificenze; tra questi il National Society of Film Critics’ Heritage Award, l’Anthology Film Archives’ Preservation Honor e il New York Museum of Modern Art’s Conservator of Choice. Accanto alla sua attività di archivista, Lipman si esibisce in performance di live cinema e tiene frequenti conferenze presso università e istituti di cultura internazionali.
I suoi scritti, incentrati sulla storia, la tecnologia e l’estetica del cinema, sono apparsi su riviste e pubblicazioni accademiche, come Sight & Sound e Artforum. I suoi film sperimentali sono stati proiettati in prestigiosi festival e musei internazionali come il Sammlung Goetz di Monaco, l’Oberhausen Film Festival and Archive, il Balazs Bela Studios di Budapest e l’Academy of Motion Picture Arts and Sciences.

NOTFILM, un “cine-saggio” sulla travagliata vicenda produttiva di FILM di Samuel Beckett – di cui Lipman ha curato anche il restauro – è il suo primo lungometraggio. Ha debuttato il 17 ottobre 2015 al BFI London Film Festival ed è stato in seguito proiettato nei più importanti film festival internazionali (CPH:DOX, IFFR, Hong Kong International Film Festival, Film Comment Selects, BAFICI, Docs Against Gravity…). NOTFILM è prodotto da Amy Heller e Dennis Doros della Milestone Films. In Italia e in Svizzera è distribuito da Reading Bloom.

Biglietto: 15 euro;  ridotto 12 euro (per chi presenta il biglietto della serata del 10 febbraio al Massimo); 10 euro (studenti DAMS, soci UC)

Info e prenotazioni: 340 3920914 – booking@readingbloom.com

Info: http://www.unioneculturale.org/2017/01/lecture-di-ross-lipman/

TOO SHORT TO WAIT: anteprima Spazio Piemonte (8-12 febbraio 2017)

febbraio 6, 2017

Il Piemonte Movie gLocal Film Festival in programma dall’8 al 12 marzo è oramai tradizionalmente anticipato da TOO SHORT TO WAIT: anteprima Spazio Piemonte, rassegna dedicata ai cortometraggi piemontesi che si terrà da mercoledì 8 a domenica 12 febbraio presso la sala Il Movie (Via Cagliari 40/e, Torino).

TOO SHORT TO WAIT porterà sullo schermo i 109 cortometraggi iscritti a Spazio Piemonte – sezione competitiva del gLocal Film Festival, riservata alle opere sotto i 30’ realizzate nel 2016. In palio diversi premi tra cui il Premio Torèt Miglior Cortometraggio (1.500 €), assegnati dalla giuria presieduta dallo sceneggiatore Nicola Guaglianone (Lo chiamavano Jeeg Robot di Gabriele Mainetti, Indivisibili di Edoardo De Angelis, Suburra la serie) che l’11 e il 12 marzo a Torino, terrà una masterclass di scrittura per cinema e tv aperta a tutti. (Le iscrizioni sono aperte fino al 26 febbraio al costo di 25€ info@piemontemovie.com).

La volontà di sostenere i cortometraggi ha fatto nascere, già lo scorso anno, la collaborazione con il CNC Centro Nazionale del Cortometraggio e gli appuntamenti Corsi Corti. Piccole Storie di Cinema. Tra aneddoti e consigli pratici, quattro registi affermati incontrano il pubblico per raccontargli degli esordi e come hanno mosso i primi passi: delle masterclass in versione sintetica con Alessandro Amaducci (mercoledì 8), Tonino De Bernardi (giovedì 9), Enrico Bisi (venerdì 10) e Adonella Marena (sabato 11).

Info: http://www.piemontemovie.com

Dal 27 gennaio nuova edizione di Seeyousound!

gennaio 26, 2017

seeyousound2017

Più di 70 proiezioni, suddivise in tre sezioni di concorso (7Inch/ cortometraggi, Longplay/ lungometraggi, Soundies/ videoclip), una rassegna a tema dal titolo “Trans-Global Express” – uno squarcio sull’alterità e sulle potenzialità creative dell’ibridazione culturale contemporanea – e una panoramica trasversale intitolata “Into the groove”, che, con uno sguardo d’insieme e fuori dagli schemi, punta dritto alle produzioni più emblematiche dell’anno. Giunto alla terza edizione, Seeyousound raddoppia i giorni di programmazione: si svolgerà dal 27 GENNAIO al 4 FEBBRAIO 2017, sempre nelle sale del Cinema Massimo di Torino, ma no mancano eventi al Circolo dei lettori, al BlahBlah e in altri locali.

Tutte le info e il programma del festival: http://www.seeyousound.org/seeyousound-2017/

Il 9 dicembre “La belle saison” al cinema Massimo per “Oltre lo schermo”/”La Repubblica delle donne”

dicembre 8, 2016

locandina-oltre-lo-schermo

Si chiude venerdì 9 dicembre 2016 alle ore 2030 presso la sala3 del Cinema Massimo il ciclo di incontri e proiezioni Oltre lo schermo. Cinema, donne, femminismi, con la proiezione del film La belle saison (2005, 105’) di Catherine Corsini: un esempio di film narrativo contemporaneo che rappresenta la militanza femminista anni Settanta. Il film ha vinto l’ultima edizione del Torino Gay and Lesbian Film Festival. Ingresso al prezzo speciale di 3 euro.
 
Il ciclo è organizzato dall’Unione Culturale nell’ambito del progetto “La Repubblica delle donne” a cura del Centro Studi Piero Gobetti con il patrocinio del CIRSDE e del Dip. di Giurisprudenza dell’Università di Torino e la collaborazione del Museo del Cinema.
Gli incontri precedenti, ospitati dal Polo del ’900, (via del Carmine 14):
  • 5 dicembre ore 17,30: Il cinema dei collettivi femministi italiani anni ’70. Seminario con Sara Filippelli;
  • 6 dicembre ore 17,30Documentare la lotta. Proiezione e discussione attorno al documentario Processo per stupro (1979, 65’) di Loredana Rotondo;
  • 7 dicembre ore 17,30: Tra archivio e memoria 1. L’eredità femminista nel documentario contemporaneo. Proiezione di Ragazze la vita trema (2009, 85’) di Paola Sangiovanni e di Parole per dirlo. Dalla parte delle bambine (1997, 10’) di Chiara Cremaschi e incontro con le registe. Interviene Micaela Veronesi.
Info: www.unioneculturale.org

“Un passo al cinema” tra centro e periferie

novembre 8, 2016

volantino-due-facciate-1

“Un Passo al cinema” è un percorso di visioni e ascolti ideato dall’Unione culturale Franco Antonicelli e da Il Passo Social Point per esplorare i cambiamenti che avvengono quando si valicano frontiere spaziali o simboliche (viaggi, migrazioni, cambiamenti socio-culturali).

Lunedì 28 novembre il programma prevede una proiezione di due film d’animazione:

Sui bordi. Dove finisce il mare di Francesca Cogni (Italia-Francia, 2012 39’)

Un viaggio in mare carico di aspettative fino a raggiungere la terraferma e lì scontrarsi con la sua durezza. La Fortezza Europa chiude le sue porte, svela la rigidezza e l’assurdità di leggi e istituzioni. L’attesa perenne, la violenza contro le frontiere fisiche e psicologiche. Un film in super8, video e disegni animati per raccontare le migrazioni nel Mediterraneo, provando a restituire immagini e corpo a ciò che scivola distrattamente nella cronaca.

Miniyamba di Luc Perez (Francia, 2012 15’)

Come migliaia di altre persone, Abdu, giovane maliano, lascia il suo paese natale per raggiungre l’Europa. Inizia allora un viaggio che dalle rive del fiume Niger lo porta al filo spinato di Ceuta, dove i suoi sogni sono costretti a confrontarsi con una realtà durissima mentre all’orizzonte brillano le luci dell’Occidente…. Con musiche di Moussa Diallo.

Proiezione organizzata grazie all’Alliance Française de Turin e all’Institut Français.

 

Il film di chiusura, lunedì 12 Dicembre, è dedicato a un amore contrastato da conflitti identitari:

Rengaine di Rachid Djaidani (Francia, 2012) 78′

A Parigi, Dorcy e Sabrina si amano ma al loro matrimonio si oppone il fratello di lei per cui una magrebina musulmana non può sposare un nero cristiano.

Proiezione organizzata grazie all’Alliance Française de Turin e all’Institut Français.

Un’estate al cinema a Torino (da luglio a settembre)

giugno 16, 2015

Al via la terza edizione di UN’ESTATE AL CINEMA, la rassegna cinematografica organizzata dall’Associazione Museo Nazionale del Cinema, Associazione Baretti e Molecola che torna ad animare le serate estive con un ricco calendario di proiezioni, laboratori e incontri dal 17 giugno al 30 luglio, più un doppio appuntamento speciale il 19 settembre, a Torino e fuori città.
UN’ESTATE AL CINEMA si compone di 34 appuntamenti suddivisi in 8 percorsi cinematografici in 11 diverse location, a Torino e fuori città, per un totale di 67 film fra lungometraggi, documentari e cortometraggi. Da metà giugno a fine luglio il denso programma di UN’ESTATE AL CINEMA proporrà una vasta scelta di appuntamenti fra commedie, documentari italiani e internazionali, workshop, laboratori, incontri e pellicole d’essai negli spazi del Cecchi Point – Hub Multiculturale, della Casa nel Parco di Mirafiori, della Casa di Quartiere Vallette, della Casa del Quartiere di San Salvario, di Cascina Roccafranca, del Centro Diurno Momenti Familiari, di varie location nell’Alta Valle di Susa, e del Castello di Roddi nel cuneese.

Lorenzo-Finardi-def-214x300

In breve, UN’ESTATE AL CINEMA si compone di:
– “Cecchicommunity”: film su molteplici modi di vivere la comunità / dal 27 giugno al 22 luglio per 5 serate, Cecchi Point – Hub Multiculturale (Torino);
– “CineComedy a Mirafiori”: commedie italiane ed europee / dal 18 giugno al 30 luglio per 7 serate, Casa nel Parco di Mirafiori (Torino);
– “Portofranco Summer night 2015”: dal 30 giugno al 28 luglio per 5 serate, Casa del Quartiere di San Salvario (Torino);
– “Cascina sotto le stelle – Sezione Cinema”: 23 giugno, 24 luglio, 19 settembre, Cascina Roccafranca (Torino);
– “CineSocialForum”: 18 giugno, Casa di Quartiere Vallette (Torino);
– “Mac Che Controverso è?”: cinema per il sociale / dal 17 giugno al 22 luglio per 5 serate, Centro Diurno Momenti Familiari (Torino);
– “Il Castello Errante, Buone Visioni”: cinema d’essai / dal 21 giugno al 19 luglio per 5 serate, castello di Roddi (Cuneo); > “Erre 70 in Alta Valle di Susa”: cinema e resistenza partigiana dal 17 al 25 luglio per 4 serate, Exilles e nelle Frazioni di Cesana Torinese.

Le location di UN’ESTATE AL CINEMA 2015:
Cecchi Point – Hub multiculturale, Via Antonio Cecchi 17/21, Torino
Casa nel Parco, Via Panetti 1 (Parco Colonnetti), Torino
Casa del Quartiere di San Salvario, via Morgari 14, Torino
Cascina Roccafranca, Via Rubino 45, Torino
Casa di Quartiere Vallette, Officine Caos, P.zza Montale 18, Torino
R.A.F. Centro Diurno Momenti Familiari, Via Pio VII 61, Torino
Cortile Circolo Amici del Cels, Frazione Morliere 3, Exilles (TO)
Sagrato chiesa parrocchiale della Madonna delle Nevi, Frazione Bousson, Cesana Torinese (TO)
Giardino della Fontana del Thures, Frazione Thures, Cesana Torinese (TO)
Piazza de l’Asamblê, Frazione Desertes, Cesana Torinese (TO)
Castello di Roddi, Via Carlo Alberto 2, Roddi (CN)

L’immagine guida per la grafica di UN’ESTATE AL CINEMA 2015, “Le due spettatrici” è un’opera realizzata da Lorenzo Finardi del Primo Liceo Artistico di Torino. Ringraziamo per la gentile collaborazione l’Archivio Storico di Arte Irregolare della Città di Torino. Servizio Disabili, laboratorio La Galleria Circoscrizione 8 e InGenio.
Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso gratuito
***
UN’ESTATE AL CINEMA è un progetto a cura di: Associazione Museo Nazionale del Cinema, Associazione Baretti, MoleCola, Videocommunity Associazione MAC, ANPI – Alta Valle di Susa Sezione di Chiomonte, Artemuda con il sostegno di: Circoscrizione 7 della Città di Torino, Comune di Roddi, Fondazione della Comunità di Mirafiori onlus, Cascina Roccafranca Case del Quartiere di Torino, e con la collaborazione di: Casa nel Parco, Casa del Quartiere di San Salvario, Casa di Quartiere Vallette, Cecchi Point – Hub Multiculturale, MIC | Media Cittadinanza Intercultura, VudeoBlog ScenaMadre, Psicologia Film Festival, Associazione Culturale Sinestesia, Collettivo di Psicologia, Biblioteche Civiche Torinesi, Associazione Antropocosmos, Associazione Riccardo Braghin, InGenio, Cooperativa PG Frassati, Barolo & Castles Foundation, Educatorio della Provvidenza, Iter, Cooperativa Arcobaleno, Associazione Culturale I4deltrio, Cineforum San Barnaba – Ciak si cresce, Socialémpower, Associazione Culturale Tamra ,Tribal TOwn Africa Festival, Balon Mundial, Associazione Il Levitazione, Circolo Maurice GLBTQ, Centro di cultura per l’immagine e il cinema di animazione, Associazione Arnica Montana, Circolo Amici del Cels. Media partner: Cinemaitaliano.info, Agenda del Cinema a Torino.

Per informazioni:
info@amnc.ithttp://movieontheroad.com/

Omaggio a Corso Salani, 16-17 e 23 giugno 2015

giugno 3, 2015

salani al lavoro set imprecisato da sito corsosalaniCorso Salani (1961-2010) ha dedicato gran parte della sua originalissima opera cinematografica a filmare i margini estremi del vecchio e del nuovo continente, altrettanti non-luoghi dove mettere in scena la nostalgia di un altrove possibile. Le terre di frontiera hanno rappresentato per Salani gli spazi ideali nei quali interrogare la propria identità di autore e i confini tra la vita e il cinema, un’attività proseguita negli scritti di forma diaristica che accompagnavano la lavorazione di molti suoi film e di cui sono stati finora editi Imatra. Pochi metri di Occidente (Donzelli, 2008) e Mirna. Diario di un film (Sentieri Selvaggi, 2014). Per ricordarlo a cinque anni dalla sua scomparsa dedichiamo a Corso un omaggio articolato in tre diversi appuntamenti. Martedì 16 giugno, ore 20.30, Cinema Massimo (via Verdi 18) “Diario di un film. In ricordo di Corso Salani”. Presentazione del libro Mirna. Diario di un film (2014) e proiezione del film Mirna (2009) alla presenza di Margherita Salani. Ingresso a 3 euro. Mercoledì 17 giugno, ore 21, Unione Culturale “Franco Antonicelli” (via Cesare Battisti 4/b) “Omaggio a Corso Salani. Attore, cineasta e scrittore di frontiera”. Proiezione di Cono Sur (1998) alla presenza di Margherita Salani. Ingresso libero. Martedì 23 giugno, ore 21, Il Piccolo Cinema (via Cavagnolo 7) “Corso Salani ai confini d’Europa”. Proiezione di Imatra (2007). Ingresso libero. L’Omaggio a Corso Salani è organizzato dall’Unione Culturale “Franco Antonicelli”, da Spaesamenti-Incontri sul cinema del reale di confine e dal Museo Nazionale del Cinema con Il Piccolo Cinema e la preziosa collaborazione dell’Associazione Corso Salani.

Gianni Amelio a Torino: 7 marzo

marzo 5, 2014

In occasione dell’uscita dell’ultimo film documentario diretto da Gianni Amelio, Felice chi è diverso, venerdì 7 marzo 2014, alle ore 20.30, il regista calabrese sarà presente al cinema Massimo alla prima proiezione serale del film, e introdurrà la pellicola insieme ad Alberto Barbera.

Ingresso 7.50/5.00/4.00 euro.

Una recensione del film: http://www.cultframe.com/2014/02/felice-chi-diverso-film-gianni-amelio/

Domani sera Giuliano Montaldo al Cinema Massimo

febbraio 3, 2014

MontaldoTaricano

Domani sera, martedì 4 febbraio, alle ore 20.15 nella Sala Tre del Cinema Massimo, Giuliano Montaldo presenterà il libro Un marziano genovese a Roma, una sorta di sua autobiografia e un viaggio nel cinema italiano scritto con Caterina Taricano.
Durante la presentazione del libro, Giuliano Montaldo e Caterina Taricano dialogheranno con illustri personaggi del mondo del cinema torinese, quali Giulia Carluccio, Renzo Ventavoli, Sandro Casazza e Ugo Nespolo. A seguire, la proiezione del restauro del film del regista L’Agnese va a morire, che sarà proiettato in replica anche mercoledì 5 alle ore 16.00. Ingresso gratuito per la presentazione del libro, costo 6.00/4.00/3.00 euro per la proiezione del film.

Ciao Alberto!

gennaio 28, 2014

In ricordo di Alberto Signetto, i cui funerali si tengono oggi pomeriggio a Mazzé, ecco il suo Weltgenie e sue Tre considerazioni dalla città della fabbrica morente, dedicate evidentemente a Torino, e sempre attuali.

Lavori in corto 2014: è partito il crowdfunding

gennaio 14, 2014

LavoriInCorto Per realizzare la prossima edizione di “Lavori in corto” è stata lanciata una campagna di crowdfunding che si concluderà a metà febbraio: partecipate!!
Tutte le info qui: http://www.starteed.com/projects/2061/lavori-in-corto-2014-storie-di-ordinaria-partecipazione
Il sito della manifestazione: http://lavoriincorto.it/

Show Food al PAV di via Giordano Bruno 31/b (17 gennaio/2 marzo 2014)

gennaio 14, 2014

Please,feeds the animals_02 La mostra collettiva Show Food, a cura di Orietta Brombin e con la direzione artistica di Piero Gilardi, presenta una moltitudine di sguardi sul cibo, non solo inteso come bene primario, quanto come uno straordinario veicolo di relazione, scambio e conoscenza, come elemento che non svanisce, ma che si trasforma e ci trasforma. La stessa costruzione della storia delle civiltà, così come le innumerevoli guerre fra popoli, sono rappresentative della continua ricerca di possesso delle materie prime vicine e raggiungibili, come degli oggetti del desiderio visibili all’orizzonte, anche di quello più lontano.

Info: http://www.parcoartevivente.it/pav/index.php?lingua_sito=1

Il Mese del Documentario anche a Torino!

gennaio 10, 2014

Torino è la città più attiva nella lodevole iniziativa de “Il Mese del Documentario”, una serie di proiezioni itineranti in programmi in tredici diverse città in Italia e all’estero. Ecco il programma torinese:

GENNAIO

Giovedì 9 gennaio
h.11.00 Conferenza Stampa
Sala Il Movie
Via Cagliari 42 Torino
Tel. +39 011 2379201

Mercoledì 15 gennaio
h.21.00 Le Cose Belle di Agostino Ferrente e Giovanni Piperno
c/o OffiCine Piemonte Movie
Teatro Matteotti
Via Giacomo Matteotti, 1, Moncalieri (To)
Tel. +39 011 6403700

Mercoledì 22 Gennaio
h.21.00 Il Libraio di Belfast di Alessandra Celesia
c/o Centro Studi Sereno Regis
Via Garibaldi, 13, Torino
tel. +39 011 532824 – +39 011 549005

Mercoledì 29 Gennaio
h.21.00 Il Gemello di Vincenzo Marra
c/o Il Piccolo Cinema
Via Cavagnolo 7, Torino
tel. +39 380 2620282 – +39 349 3191552

FEBBRAIO

Mercoledì 5 febbraio
h.21.00 Materia Oscura di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti
c/o OffiCine Piemonte Movie
Teatro Matteotti
Via Giacomo Matteotti, 1, Moncalieri (To)
Tel. +39 011 6403700

Mercoledì 12 febbraio
h.21.00 Noi Non Siamo Come James Bonddi Mario Balsamo
Italia 2012, durata 73 minuti
c/o Cecchi Point
Via Antonio Cecchi, 17, Torino
Tel. +39 011 19714416

Sabato 22 Febbraio
Proiezione vincitori
h.20.30 Vincitore Doc/it Professional Award
h.22.30 Vincitore Doc. International
Cinema Massimo
Via Verdi, 18, Torino
Tel. +39 011 8138574

Altre info e presentazione dei film: http://ilmese2013.documentaristi.it/

Sta arrivando il Torino Film Festival targato Virzì

novembre 17, 2013

Da Venerdì 22 torna il principale festival cinematografico torinese, diretto per la prima volta dal livornese Paolo Virzì, che ha però al suo fianco gran parte della squadra di selezionatori delle edizioni precedenti.
Per una presentazione della rassegna dalla voce degli stessi organizzatori cliccate qui.
Tutto il ricchissimo programma è consultabile sul sito del Festival!
torino film festival 2013

L’8 luglio si festeggia il 60° dell’AMNC

luglio 5, 2013

L’Associazione Museo Nazionale del Cinema, nell’ambito del ricco programma di eventi di “Un’Estate al Cinema”, ha organizzato una serata per festeggiare il suo 60° Anniversario: con “UNA DONNA, UNA CITTA’, UN MUSEO” (lunedì 8 luglio 2013 alle ore 21.00 al Cinema Massimo, ingresso libero) si ricorderà la fondatrice del Museo, Maria Adriana Prolo che, il 7 luglio del 1953, diede vita all’Associazione. Il programma prevede la proiezione dal raro documentario “Il Museo del Cinema”, realizzato nel 1963 da Ubaldo Magnaghi con la collaborazione di Maria Adriana Prolo, che ci porterà alla scoperta delle sale di Palazzo Chiablese, prima sede del Museo, per continuare con la sonorizzazione dal vivo di un prezioso quartetto di pellicole comiche del cinema muto torinese, recentemente restaurate dal Museo Nazionale del Cinema. Le note della 1911 Lokomotif Ensemble di Fabrizio Gaggini e di Angelo Benedetti e Johnny Lapio per il progetto Unsteady Conceptions accompagneranno le immagini comiche di “Robinet innamorato di una chanteuse”, “Fricot e l’estintore”, “Polidor e i gatti” e “Troppo bello!”. Ad aprire e a chiudere le sonorizzazioni due curiose brevi pellicole, “Buonasera signorina Bonelli!” e “Buonasera, fiori!”, che introdurranno alla visione e “salutano” il pubblico in sala, come si era soliti fare nel periodo del muto. Il quartetto di pellicole scelte, tra le tante, rappresenta uno spaccato delle maggiori case di produzione del muto torinese come Ambrosio, Itala Film e Pasquali & C., e dei maggiori comici di inizio secolo a Torino: Robinet, Fricot, Polidor e Cretinetti.
Nel corso della serata, verrà presentato l’ultimo numero della rivista edita dall’Associazione Mondo Niovo 18 – 24 ft/s, fondata da Maria Adriana Prolo nel 1961 e diretta da Caterina Taricano, che raccoglie un’antologia dei migliori articoli pubblicati sulla rivista nel corso degli anni, un omaggio a Luigi Paratella e le consuete rubriche dedicate ai Festival e alle attività dell’Associazione. Lunedì 8 luglio sarà anche occasione per annunciare la riapertura del nuovo bando della Borsa di Studio dell’Associazione intitolata a Roberto Radicati.

Un’estate al Cinema!

giugno 11, 2013

Sarà “un’Estate al Cinema” quella che l’Associazione Museo Nazionale del Cinema (AMNC) e Molecola proporranno dal 12 giugno al 9 agosto a Torino e fuori città: un ricco e variegato calendario di proiezioni e incontri per tutti i gusti in occasione dei 60 anni dalla fondazione dell’Associazione avvenuta per iniziativa di Maria Adriana Prolo il 7 luglio del 1953.

“un’Estate al Cinema” si compone di 31 appuntamenti suddivisi in 5 rassegne cinematografiche e 1 serata speciale, proposte in 6 diverse location, per un totale di 54 film tra lungometraggi e cortometraggi.


In breve “un’Estate al Cinema” si compone di:
“Una Donna, una Città, un Museo”: serata speciale dedicata a Maria Adriana Prolo / Lunedì 8 luglio, Cinema Massimo;

> “Mettersi in ascolto”: film sulla musica e i suoi protagonisti / dal 12 giugno al 31 luglio per 8 serate, Cecchi Point – Hub Multiculturale; 

> “CineComedy a Mirafiori”: commedie italiane ed europee / dal 13 al 23 giugno per 8 serate, Casa nel Parco di Mirafiori;

> “Il Castello Errante, Buone Visioni”: cinema d’essai / dal 16 giugno al 14 luglio per 5 serate, castello di Roddi (Cuneo); 

> “La terra vista dalla Luna”: cinema di fantascienza / dal 28 giugno al 9 agosto per 6 serate, Planetario di Pino Torinese;

> “La Salute in Comune”: cinema sociale / 1 e 15 luglio per 2 serate, Polo della Salute cittadini Giardini Reali


Le location di “un’Estate al Cinema”:

Cinema Massimo, Via Verdi 18, Torino

Polo cittadino della Salute, Corso San Maurizio 4, Torino

Cecchi Point – Hub Multiculturale, Via Antonio Cecchi 17, Torino

Casa nel Parco, Via Panetti 1 ang. Via Artom, Parco Gustavo Colonnetti, Torino

Infini.to – Planetario di Torino, Via Osservatorio 30, Pino Torinese –

Castello di Roddi, Via Carlo Alberto 2, Roddi (CN)

Programma completo qui:  http://www.amnc.it/home.php

 

16° CINEMAMBIENTE – Environmental Film Festival Torino, 31 maggio – 5 Giugno 2013

maggio 26, 2013

Cinemambiente2013Giunto ormai alla sua sedicesima edizione, il Festival diretto da Gaetano Capizzi torna a Torino dal 31 maggio al 5 giugno, data in cui si festeggia il World Environment Day (WED), la Giornata Mondiale dell’Ambiente promossa da UNEP (United Nations Environment Programme).
L’inaugurazione della rassegna è prevista per la sera di venerdì 31 maggio con l’anteprima nazionale di The Fruit Hunters di Yung Chang, inno alla biodiversità che racconta il variegato mondo dei “cacciatori di frutta”, appassionati che viaggiano in giro per il globo in cerca di frutti rari e perduti. Protagonista del film è Bill Pullman, star hollywoodiana di nota fama, interprete di film quali Balle spaziali, Strade perdute, Independence Day, che sarà ospite a Torino per presentare il film e incontrare il pubblico. Introduce la serata, alle ore 21, il cortometraggio CasaOz di Alessandro Avataneo, previsto nella sezione Eventi Speciali.
Il festival prosegue con gli oltre 80 film in programma nel Concorso Internazionale Documentari (presidente della giuria è Maurizio Nichetti), nel Concorso Documentari Italiani, e in altre due sezioni particolari: il Concorso Internazionale Documentari One Hour, dedicato ai documentari internazionali della durata inferiore ai 60 minuti e il Concorso “La casa di domani”, con film che suggeriscono le buone pratiche per la società di domani.Tra le sezioni non competitive vi sono poi Panorama Cortometraggi, Ecokids e gli Eventi Speciali per un calendario fitto di appuntamenti.

Info e programma su www.cinemambiente.it

Lavori in corto 25-26-27 maggio

maggio 24, 2013

L’Associazione Museo Nazionale del Cinema e l’Associazione Riccardo Braghin sono liete di invitarvi a partecipare alla restituzione del Concorso Cinematograficodedicato alle tematiche abitative rivolto ai giovani autori del territorio 

LAVORI IN CORTO – abitare si può  Torino, 25 – 26 – 27 Maggio 2013
Casa nel Parco di Mirafiori, Casa del Quartiere di San Salvario e Cinema Massimo Sala 3 
Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Tre serate di cinema “breve”, per approfondire lo sguardo sulle questioni abitative in tutte le sue sfaccettature: dalla coabitazione solidale, al problema degli sfratti, a nuovi modi di vivere gli spazi.

SABATO 25 MAGGIO, ore 21.00, Casa nel Parco di Mirafiori (via Panetti, 1)

Cortometraggi FUORI CONCORSO

La casa (2005, 6′) realizzato dalla Scuola Elementare Cairoli con il centro di Cultura per l’immagine e il Cinema di animazione di ITER

Al Centro (2012, 15′) di Max Hirzel, Marida Augusto e Simplice Ngongang Feunyep

Good Buy Roma (2011, 19′ 47”) di Gaetano Crivaro e Margherita Pisano

Life in Italy is ok (2011, 38′ 24”) di Gianfranco Marino in collaborazione con Emergency

DOMENICA 26 MAGGIO, ore 21.00, Casa del Quartiere di San Salvario (via Morgari, 14)

Cortometraggi FUORI CONCORSO

Com’è bella la città (2005, 3′ 5”) realizzato dalla Scuola Elementare Cairoli con il centro di Cultura per l’immagine e il Cinema di animazione di ITER

I sogni nella baraccopoli (2013, 7′) di Niccolò Zancan

Vado a vivere da sola (2012, 34′) di Christian Giuffrida

We can (2012, 48′) realizzato dall’associazione IdeaRom Onlus e Officina di Sogni

LUNEDì 27 MAGGIO, ore 21.00, Cinema Massimo (via Verdi, 18)

Cortometraggi IN CONCORSO e PREMIAZIONE

Diritto abusivo (2012, 14′ 51”’) di Maura Paoli

Si può entrare?… Siamo profughi (2013, 16′) di Davide Lessi e Matteo Corgnati

Il popolo delle case (2012, 18′) di Carola Quaglia

Via della casa comunale n.1 (2013, 3′ 17”) di Eugenio Buson e Irene Pepe

La casa è di chi la abita (2012, 11′) di Cecilia Rubiolo

Sopra la città, sotto la montagna (2012, 15′ 25”) di Federico Gonzo, Rodrigo Dutra e Angela Pastore

Art. 34: Verdi 15 (2013, 6′ 47”) di Ruggero Alfano e Emanuele Marchetto

Solide realtà (2013, 4′ 30”) di Anna Cordioli e Stefano Bertolino

Occuparsi (del)la casa (2013, 4′ 40”) di Matteo Corgnati

Questione di metri quadri (2013, 7′) di Adrian Nistor, Mariella Flores e Giorgio Ghiglione

Il vuoto è uno spazio infinito (2013, 11′ 56”) di Guglielmo Pellerino


Per maggiori informazioni:
lavorincorto@gmail.com  –  Pagina facebook di Lavori in corto

Un utile strumento per i cinefili torinesi: l’agenda del cinema

maggio 2, 2013

Per non perdere neanche una delle molte proiezioni quotidiane torinesi e non mancare neanche a uno dei molti eventi cinematografici che si svolgono nella nostra città, sincronizzate le vostre agende con http://agendacineto.blogspot.it/, gemelliamo le nostre pagine 🙂

AL VIA DOMANI IL 28° TORINO GLBT FILM FESTIVAL

aprile 18, 2013

sodoma2013

Si inaugura domani, 19 aprile, il Torino GLBT Film Festival – Da Sodoma a Hollywood”, diretto da Giovanni Minerba, che si svolgerà fino al 25 aprile presso la Multisala Cinema Massimo.

La cerimonia inaugurale avrà come protagonisti Giuliana De Sio, madrina della serata, e il cantautore Roberto Casalino , che si esibirà in un concerto con il Maestro Michele Amadori al pianoforte e Mario Gentili al violino. Il film di apertura, Any Day Now, presentato dallo stesso regista Travis Fine, terrà a battesimo la 28a edizione del festival torinese che quest’anno proporrà circa 120 film provenienti da 34 nazioni.

Tratto da una storia vera, Any Day Now offre l’eccezionale interpretazione di Alan Cumming (The Good Wife) nel ruolo di Rudy, una drag queen di Los Angeles che, insieme al suo partner Paul, viceprocuratore distrettuale, cerca di ottenere la custodia di un ragazzo quattordicenne, affetto dalla sindrome di Down. Non è così semplice: siamo nel 1979 quando matrimoni e adozioni gay erano di là da venire.

Al via anche altre due sezioni del Festival: Vintage , che ripropone un classico della cinematografia mondiale, Improvvisamente l’estate scorsa di Joseph L. Mankiewicz, (1959). Un omaggio a Gore Vidal, morto lo scorso luglio, che ne scrisse la sceneggiatura basandosi sull’atto unico dell’omonima pièce teatrale scritta da Tennessee Williams (del quale ricorre il trentennale della morte). Uno dei film più camp o kitsch (a seconda delle opinioni) nella storia dello “schermo velato”, tanto più che Sebastian, l’omosessuale di cui sparlano Elisabeth Taylor, Katherine Hepburn e Montgomery Clift, non si vede mai ed è solo evocato. Un uomo senza volto.

L’altra sezione in avvio è Open Eyes. Lesbian Stories , che propone un cortometraggio francese dal titolo Time Bomb , diretto da Jacqueline Julien, e il lungometraggio argentino Lengua Materna (Mother Tongue) di Liliana Paolinelli, una tagliente e divertente commedia sul difficile rapporto genitori-figli.

Domani aprirà anche la mostra pittorica Più vivo di così… di Antonio Minerba, allestita presso la Multisala Cinema Massimo. Sarà possibile apprezzare i quadri dell’artista, ispirati all’omonimo film di Ottavio Mario Mai, prima di entrare in sala.

È possibile acquistare online i biglietti in prevendita dal sito del Festival: www.torinoglbtfilmfestival.it

Oltre il muro: due film sulle carceri

aprile 10, 2013

OltreIlMuro

 
Giovedì 18 aprile alle h 09:00 presso la casa circondariale Lorusso e Cutugno di Torino verranno proiettati due film dedicati al mondo del carcere, riproposti poi la sera del 19 aprile al Cecchipoint. Si tratta del documentario “Art. 27” di Laura Fazzini, Elia Agosti e Luca Gaddini e del mediometraggio “L’ultima notte” di Mattia Temponi.
Come da comunicato degli organizzatori, l’Associazione Museo Nazionale del Cinema e Videocommunity:

“Art.27” è un documentario, un viaggio all’interno di 4 carceri Italiane, che esplora come il percorso di reintegro viene messo in pratica, attraverso quali forme e risultati, all’interno delle “patrie galere”. Il titolo richiama proprio l’articolo della nostra Carta Costituente che, al terzo comma, recita: “Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato”. Gli autori accompagnano lo spettatore attraverso una riflessione che mira a porlo di fronte alla domanda: chiudere un individuo tra quattro mura sovraffollate è la strada che porta alla redenzione?
Di tutt’altro genere è “L’ULTIMA NOTTE”, film che mette in scena le ultime ore di vita di Socrate. Il filosofo ateniese viene calato in un carcere moderno per mostrare il tormento di un uomo accusato ingiustamente, che si trova nella condizione di poter fuggire dalla cella: se rimane, morirà; se scappa, potrà vivere, ma venendo meno a propri principi di lealtà e cittadinanza. La storia di Socrate è un viaggio interiore nella mente di un intellettuale che non smette di chiedersi qual è la sua responsabilità nei confronti del proprio paese. Sarà un eroe, o semplicemente un folle?
“L’ULTIMA NOTTE” è stato realizzato all’interno del carcere Lorusso e Cutugno di Torino, coinvolgendo i detenuti del Polo Universitario e l’associazione Casa di Pinocchio. Ha ricevuto il patrocinio e il sostegno della Società Filosofica Italiana, il Ministero dell’Istruzione, l’Università e la Ricerca, il Rotary club Torino-Collina e Cinefonie. Nel ruolo di Socrate, il decano del teatro torinese Bob Marchese, accompagnato sulla scena dalle nuove leve Eleonora Gusmano e Mattia Mariani. Alla proiezione saranno presenti i detenuti, gli educatori e i membri della direzione coinvolti nelle riprese.

Torna il Piemontemovie con una XIII edizione “ridotta all’osso”

marzo 13, 2013

Dopo l’annuncio della sospensione del Piemonte Movie gLocal Film Festival, gli organizzatori sono riusciti ad allestire comunque la XIII edizione del festival avrà luogo dal 13 al 16 marzo, presso la Sala Il Movie (Via Cagliari 42 Torino).
Il tradizionale appuntamento con la cinematografia regionale, che ogni anno offre uno spaccato sulla produzione recente e ripropone opere dei protagonisti del cinema piemontese, si terrà in un’edizione particolarmente asciutta, anzi, “ridotta all’osso” come suggerisce l’immagine che la caratterizza.
Spogliato di eventi collaterali e omaggi al passato, Piemonte Movie resta vivo con il cuore del proprio essere: i concorsi.
Nonostante l’annullamento dell’anteprima di febbraio Too Short to Wait, che ha sempre ospitato tutti i cortometraggi iscritti, la sezione Spazio Piemonte non cambia obiettivo: radunare il meglio della produzione “cortometrista” dell’anno precedente. Per il sesto anno consecutivo ha chiamato a raccolta molti cortometraggi da tutti la regione, 130, di cui 15 si sfideranno per il Premio Miglior Cortometraggio da 1.250 euro, assegnato dalla giuria presieduta dal critico cinematografico Steve Della Casa.
L’altra sezione competitiva, Panoramica Doc, presenta, invece, 5 documentari in concorso rispetto ai 10 delle edizioni precedenti, selezionati tra i 28 lavori iscritti, a cui si aggiungono 6 fuori concorso. Una flessione che segue l’andamento della produzione documentaristica regionale a cui vogliamo rispondere, però, raddoppiando i premi: al consolidato Premio Maurizio Collino (1.500 euro), messo in palio per il terzo anno consecutivo dall’omonima associazione, si affiancherà così per la prima volta il Premio Miglior Documentario (1.500 euro) che verrà scelto dalla giuria guidata dallo storico del cinema, Franco Prono.
I migliori lavori di entrambe le sezioni riceveranno, inoltre, la nuova statuetta ufficiale del festival, il Premio Torèt, una riproduzione in miniatura (20 cm di altezza per 3,3 kg di ghisa) degli originali Toretti verdi realizzati proprio da La Fonderia Pinerolese che produce le note fontanelle per la Città di Torino. Si aggiungono inoltre due Premi del Pubblico (200 euro in prodotti Libera Terra), che saranno assegnati al cortometraggio e al documentario preferiti dalle persone in sala.
Con questa edizione “all’osso”, nel numero di lavori in calendario, Piemonte Movie ha deciso di impegnarsi ancora di più nel sostegno reale della cinematografia regionale, destinando oltre un terzo del proprio budget ai premi che saranno consegnati ai registi più meritevoli. Per continuare a scommettere sui giovani autori che ogni anno realizzano opere destinate a rimanere invisibili, perché i cortometraggi vivono e muoiono nei festival e quasi mai raggiungono il grande pubblico, e sui professionisti di un cinema decisamente poco patinato e molto vissuto, che attraverso la cinepresa non smettono di mostrarci la realtà.
Quattro giorni di proiezioni, dunque, per 26 opere in programma decisamente eterogenee per tematiche affrontate e per generi, ma che rappresentano una selezione di alta qualità.

Ad aprire il festival la sera del 13 al Movie (20.30) sarà il documentario L’ultimo chilometro. Vincere, perdere, lottare, fino all’ultimo chilometro di Paolo Casalis, dedicato a uno sport cui i piemontesi hanno dato faticatori e fuoriclasse.

Per Alberto Signetto : Sympathy for Red Rhino

febbraio 2, 2013

Un evento speciale a sostegno del cineasta Alberto Signetto, che sta attreversando un periodo difficile: domenica 3 Febbraio 2013 dalle ore 18,00 in avanti all’Hiroshima Mon Amour (Via Bossoli 83 a Torino) con musica, cibo, vino, cinema, ospiti speciali e tante sorprese!

Per chi potesse aiutare Signetto anche con un piccolo contributo ecco gli estremi del conto corrente dove poter fare una donazione; l’Associazione 100 Autori sta facendo da garante all’iniziativa:

ROSSOFUOCO/100 AUTORI
IBAN: IT42C 06906 01014 000000004362
CAUSALE: PRO ALBERTO SIGNETTO

Signetto

4 febbraio, lancio del concorso “Lavori in corto 2013” e anteprima “Non ci sono più soldi”

gennaio 31, 2013

NonCiSonoPiùSoldi

Lunedì 4 febbraio alle ore 20.45 presso la sala3 del Cinema Massimo, verrà presentata la nuova edizione del concorso cinematografico “Lavori in Corto”, dedicato quest’anno al tema della casa. Durante la serata verrà presentata una ricerca audiovisiva, a cura dell’Associazione Museo Nazionale del Cinema (AMNC) e dall’Associazione Riccardo Braghin, promotrici del concorso, sullo stato attuale della questione abitativa sul nostro territorio.

Inoltre verrà proposto il documentario in anteprima nazionale “Non ci sono più soldi – Persone e storie dei servizi a bassa soglia in tempi di crisi” di Susanna Ronconi, Angelo Artuffo e Sergio Fergnachino.

Virzì è il nuovo direttore del TFF!

dicembre 21, 2012

..con un enorme grazie a Gianni Amelio, oggi tocca dare la notizia che la sua direzione durata quattro anni può per il momento dirsi conclusa: alla guida del Torino Film Festival arriva da Livorno (passando per Roma e avendo trascorso un periodo della sua infanzia proprio a Torino)… Paolo Virzì! In bocca al lupo al nuovo direttore!

 Virzì

Film muti sonorizzati alla Mole il 17 sera

novembre 13, 2012

Sabato 17 novembre alle ore 20.00, all’interno dell’Aula del Tempio del Museo Nazionale del Cinema (ingresso libero),  la “Giornata Mondiale dei Musei in Musica”,  verrà celebrata con la proiezione di quattro film muti torinesi sonorizzati dal vivo da altrettante ensemble di musicisti per una serata dove note e immagini si amalgameranno sullo sfondo della suggestiva Aula del Tempio.
L’appuntamento è parte del progetto “Sonorizzazioni del cinema muto torinese” a cura dell’Associazione Museo Nazionale del Cinema in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema, la  Fondazione della Comunità di Mirafiori Onlus, le Brigate Irma Vep e l’Associazione Videocommunity.

Dei musicisti che hanno partecipato al progetto di sonorizzazione, si esibiranno alla Mola quattro ensemble:

-la 1911 Lokomotif Ensemble, sulle immagini di Robinet innamorato di una chanteuse (S.A. Ambrosio, 1911), che ha affrontato con piglio deciso la comica di Robinet, con un linguaggio sì esuberante, ma al contempo capace di arrestarsi in momenti maggiormente riflessivi;

-i Fasti, sulle immagini di La madre e la morte (S.A. Ambrosio, 1911), fautori di un suono che unisce derive elettroniche e spinte maggiormente elettriche, sono stati capaci di colpire il cuore della dimensione drammatica del film adottando strutture ossessive e ripetitive e creando un rarefatto seppur implacabile muro sonoro;

-i Death Disco,sulle immagini di Esposizione di Torino 1911, si sono confrontati con un film ostico, costruito com’è su tagli e cesure, caratterizzato da una linearità cronologica che non presenta però una chiara dimensione di “narrazione”;

-e Fabrizio Gaggini, sulle immagini di La vita delle farfalle (S.A. Ambrosio, 1911) ha realizzato una proposta rarefatta e suggestiva, lavorando sul rapporto tra chitarra acustica e il sottofondo di una base neutra quanto basta per non essere invasiva e tuttavia capace di delineare passaggi sonori caratterizzati dalla ricerca di una possibilità di equilibrio tra tensione e stabilità.

Special guest della serata sarà il quartetto d’archi di matrice classica Les Nsongirls che si avventurerà nel mondo della musica camerunense accanto al compositore e polistrumentista Tatè Nsongan per la sonorizzazione di Polidor vuole suicidarsi (Pasquali & C., 1912), cui si riferisce l’immagine postata qui sopra.

Virzì a Torino per “Tutti i santi i giorni”

ottobre 8, 2012

Il regista Paolo Virzì sarà per due giorni a Torino a presentare la sua ultima pellicola intitolata “Tutti i santi giorni”, in uscita giovedì in molte sale italiane: domani sera, 9 ottobre, il Circolo dei Lettori ospiterà alle 21.00 un incontro con l’autore livornese, il suo sceneggiatore per questo film, Simone Lenzi (cantante dei Virginiana Miller al cui libro “La generazione” è ispirata la storia raccontata in “Tutti i santi giorni”) e gli attori protagonisti Luca Marinelli,  visto ne “La solitudine dei numeri primi”, e Thony, cantautrice che esordisce sul grande schermo…. Già questa sera sono previste in città alcune anteprime nei cinema Reposi e Uci per il pubblico torinese!

5 ottobre: serata di corti internazionali aspettando il PIEMONTE MOVIE gLOCAL FILM FESTIVAL

ottobre 3, 2012

Dopodomani sera, 5 febbraio, alle ore 20.30 presso la Sala Il Movie del Cineporto (Via Cagliari 42, Torino) si terrà un evento speciale che presenta e anticipa la XIII edizione dell Piemonte Movie gLocal Film Festival (con l’apertura delle iscrizioni alle sezioni competitive Spazio Piemonte e Panoramica Doc, riservate a cortometraggi e documentari realizzati in Piemonte) e offre al pubblico torinese una selezione di opere del MANHATTAN SHORT Film Festival:
“Il MANHATTAN SHORT è un evento che da quindici anni riunisce il pubblico cinematografico di tutto il mondo nell’importante compito di assegnare diversi premi al meglio della produzione internazionale di cortometraggi. Gli spettatori degli oltre 300 appuntamenti che si svolgeranno in contemporanea dal 28 settembre al 7 ottobre, saranno chiamati a scegliere il loro cortometraggio preferito tra i 10 cortometraggi finalisti e i voti raccolti nella settimana di proiezioni saranno inviati a New York, dove il vincitore sarà annunciato domenica 7 ottobre.”
Si tratta di film in lingua originale, sottotitolati in inglese. L’ingresso alla serata costa 5 euro.

Sta per tornare View!

settembre 29, 2012

Image

Il programma della prossima View Conference (16-19 ottobre) è già on line a questo indirizzo: http://viewconference.it/docs/VIEWConference_program_2012.pdf.

Anche quest’anno il programma della manifestazione proseguirà con le proiezioni del View Fest (19-21 ottobre)

CINECOMEDY a Mirafiori, 7 commedie per 7 serate sotto le stelle

giugno 11, 2012

Dal 14 giugno al 26 luglio, la Casa nel Parco di Mirafiori ospita la rassegna CINECOMEDY, festival della commedia cinematografica europea sotto le stelle. Si tratta di sette serate organizzate dall’Associazione Museo Nazionale del Cinema, e inaugurate dalla proiezione del 14 giugno di Miracolo a Le Havre di Aki Kaurismaki. Il programma completo:

> GIOVEDI’ 14 GIUGNO / ore 21.30, Casa nel Parco di Mirafiori (via Panetti, 4)

MIRACOLO A LE HAVRE di Aki Kaurismaki (Germania/Francia/Finlandia, 2011, 93’). La proiezione sarà introdotta da Stefano Boni del Museo Nazionale del Cinema, co-autore della monografia “Finlandesi probabilmente. Il cinema di Aki e Mika Kaurismaki”.

> GIOVEDI’ 21 GIUGNO / ore 21.30, Casa nel Parco di Mirafiori (via Panetti, 4)

TUTTI GIU’ PER TERRA di Davide Ferrario (Italia, 1997, 98′). Interviene il regista Davide Ferrario accompagnato da una video intervista allo scrittore Giuseppe Culicchia.

> VENERDI’ 29 GIUGNO / ore 21.30, Casa nel Parco di Mirafiori (via Panetti, 4)

LA VITA E’ UN MIRACOLO di Emir Kusturica (Serbia/Montenegro/Francia, 2004, 154′). Interviene il giornalista de La Stampa Daniele Cavalla, responsabile sezione cinema e sport di TorinoSette.

> GIOVEDI’ 5 LUGLIO / ore 21.30, Casa nel Parco di Mirafiori (via Panetti, 4)

INTO PARADISO di Paola Randi (Italia, 2010, 104′).  Interviene la regista Paola Randi. La proiezione sarà preceduta dalla proiezione del cortometraggio La madonna della frutta (2009) di Paola Randi con Isabella Ragonese.

> GIOVEDI’ 12 LUGLIO / ore 21.30, Casa nel Parco di Mirafiori (via Panetti, 4)

SI PUO’ FARE di Giulio Manfredonia (Italia, 2008, 111′). E’ stato invitato l’attore del film Andrea Bosca per introdurre la proiezione.

> GIOVEDI’ 19 LUGLIO / ore 21.30, Casa nel Parco di Mirafiori (via Panetti, 4)

LE DONNE DEL SESTO PIANO di Philippe Le Guay (Francia, 2011, 106′). Introduce Caterina Taricano, giornalista e direttrice della rivista Mondo Niovo 18-24 ft/s edita dall’AMNC.

A seguire verrà proiettato l’horror di mezzanotte:

LA MASCHERA DEL DEMONIO di Mario Bava (Italia, 1960, 87′). Introduce Matteo Pollone.

> GIOVEDI’ 26 LUGLIO / ore 21.30, Casa nel Parco di Mirafiori (via Panetti, 4)

IL CONCERTO di Radu Mihaileanu (Francia, Russia, Romania, 2009, 120′). Interviene Roberto Agagliate, direttore musicale della 1911 Lokomotif Orchestra.

La chiusura del 15° Cinemambiente

giugno 6, 2012

Per chi non abbia potuto seguire il festival, segnaliamo che alcuni film verranno proiettati in replica oggi e domani, 6 e il 7 giugno presso la sala2 del cinema Massimo, dal 6 all’8 giugno a Genova, il 6 e il 13 giugno a Collegno (TO).

Ad aggiudicarsi il premio per il miglior documentario internazionale del Cinemambiente 2012 è “The Big Fix, il grande pasticcio”, film di Josh e Rebecca Tickell prodotto da Tim Robbins e Peter Fonda che racconta il disastro petrolifero provocato dalla piattaforma Deepwater Horizon nel Golfo del Messico.
È stato invece considerato il miglior documentario italiano “Piccola terra” di Michele Trentini, ambientato tra i coltivatori che sono tornati a lavorare la terra nella provincia di Vicenza, tra i quali c’è anche il marocchino Aziz che vi ha seminato la menta del Maghreb…
Il premio per il miglior documentario è stato infine attribuito ad “Entrée du personnel” di Manuela Frésil, angosciante testimonianza del lavoro alienato in un mattatoio, emblema dell’ottusità della nostra smania di produzione e di consumo.

Per gli altri premi e le numerose menzioni cfr. http://www.cinemambiente.it/

Oggi inaugura il Cinemambiente!

maggio 31, 2012

Il 15° CinemAmbiente si svolge a Torino dal 31 maggio al 5 giugno 2012 e prima dell’inaugurazione ufficiale di stasera la Sala1 del Massimo ha registrato già questa mattina il tutto esaurito con oltre 400 bambini delle scuole elementari che hanno assistito all’anteprima italiana di Lorax. Come ha certificato un’alzata di mano richiesta dal direttore Capizzi non erano pochi i bambini che si trovavano per la prima volta in un cinema, per di più per una proiezione  in 3D con tanto di occhialini: il programma della sezione “Ecokids” del festival si conferma quindi doppiamente importante, sia per avvicinare i più giovani all’esperienza cinematografica cui televisione e videogiochi mangiano sempre più spazio sia per educarli ai temi della salvaguardia ambientale. Il film Lorax racconta infatti come l’avidità dell’uomo possa essere devastante per l’ambiente e debba essere sempre contenuta in nome del bene comune.

Info: http://www.cinemambiente.it/

Domani a Torino Aleksei Fedorchenko con Silent Souls

maggio 24, 2012

In occasione dell’uscita di Silent Souls, il regista russo Aleksei Fedorchenko sarà ospite a Torino venerdì 25 maggio per presentare al pubblico il suo film, al Cinema Fratelli Marx, alle ore 20.30, in un incontro organizzato dalla casa di distribuzione italiana Microcinema in collaborazione con Slow cinema-Agenzia per il cinema indipendente e Aiace Torino.

Il film ha vinto ala mostra del Cinema di Venezia 2010 il Premio Firpresci della critica internazionale e quello per la miglior fotografia. 

Lavori in corto a Torino dal 26 al 28 maggio

maggio 23, 2012

L’Associazione Museo Nazionale del Cinema e l’Associazione Braghin presentano la prima edizione di  LAVORI IN CORTO, concorso per la realizzazione di cortometraggi sulla tematica del lavoro come mezzo di inclusione sociale.  Nei giorni 26, 27 e 28 maggio verranno presentati i lavori in concorso e fuori concorso presso la Casa nel Parco di Mirafiori, la Casa del Quartiere di San Salvario e il Cinema Massino.

 > SABATO 26 MAGGIO, ore 21.00, Casa nel Parco di Mirafiori (via Panetti, 1)

Cortometraggi FUORI CONCORSO

L’ombelico del mondo (2010, 4′ 49”). Realizzato dalla classe 5ª B della Scuola Elementare Gabelli con il centro di Cultura per l’immagine e il Cinema di animazione di ITER.

Le città di Olivetti (2012, 13′ 32”) di Sandro Pisani. Adriano Olivetti viene spesso definito un utopista. L’utopia, seguendo la definizione del dizionario della lingua italiana, non è realizzabile. Quello che Olivetti propose come modello di azienda e di comunità fu invece concretamente messo in atto. Da qui, il percorso che segue le orme lasciate dall’operato di Adriano Olivetti “urbanista” attraverso le esperienze della gente comune nei borghi da lui voluti e realizzati.

Ana Mamadou? – Dov’è Mamadou? (2010, 17′ 19”) di Flavio Domenico PorratiL’ideale punto di partenza su cui si casa il cortometraggio è una domanda: “Dov’è Mamadou?”. Mamadou è un nome molto diffuso in Senegal, incarnazione del senegalese che, dalla sua terra d’origine, insegue il sogno della felicità e lo ripone spessissimo nelle pieghe delle nostre coste, delle nostre città, dei nostri paesi.

Indifferente disoccupazione (2011, 3′ 47”) di Stefano Virovello e Alessandra Martinelli. Descrizione delle interminabili giornate trascorse senza lavoro, condizione vissuta da moltissimi giovani italiani e spesso ignorata dai mezzi di comunicazione.

Confini (2011, 29′) di Fabrizio Albertini. Un documentario “road movie” tra Italia e Svizzera. Una raccolta di frammenti e parole di quattro frontalieri che attraversano ogni giorno il confine. Un viaggio, come autostoppisti, a bordo delle loro macchine. Solo parole e motore. “Confini” ha vinto il Premio Cinema Italiano.info a Piemonte Movie 2012

Il colloquio (2011, 4′ 50”) di Alessandra Martinelli, Roberta Di Mattia e Stefano Virovello. Un test ci porta ad immaginare che la vita sulla Terra stia per finire: abbiamo una sola navicella a disposizione per salvare 7 persone…

Rom (2009/2010, 19′ 30”). Realizzato dalla Classe 4D del Primo Liceo Artistico di Torino, a.s. 09/10. Il video ha due intenti: il primo è mostrare un tentativo pratico di civile convivenza, descrivendo l’esperienza attuata a Settimo attraverso il centro Il Dado; il secondo è far vedere come i pregiudizi siano duri a morire e creino durissimi ostacoli alla ragionevolezza. 

I traslochi di Rosa Dao (2010, 2′ 13”). Realizzato da 25 bambini di 5 anni della Scuola dell’Infanzia di Borgo Crocetta di Torino durante il laboratorio immagine 2, ITER. E’ la storia di un’adozione internazionale, in animazione. Il racconto di un viaggio dall’America del sud a Torino, ma anche la storia della nascita e del ruolo della famiglia, visto dai bambini.

  > DOMENICA 27 MAGGIO, ore 21.00, Casa del Quartiere di San Salvario (via Morgari, 14)

 Cortometraggi FUORI CONCORSO

La via delle spezie (2011, 6′). Audiodoc a cura di Docusound Lab. Il kebab più buono della città; la storia italiana del nostro protagonista egiziano comincia vent’anni fa a Torino, dove la gente della notte arrivava nel suo bugigattolo per mangiare il kebab più buono della città. Nel 2001 Mido ha aperto il suo quinto ristorante in città. Storia di un successo che profuma di spezie. 

Qualcosa da scambiare, dialoghi tra vecchi e nuovi migranti (2009, 10′) di Francesca Portalupi, Veronica Owusu, Janira Inicio Noè, Chaimaa ZouineUn gruppo di ragazze migranti alla scoperta del quartiere in cui vivono e vanno a scuola. L’incontro tra vecchie e nuove generazioni che hanno vissuto l’immigrazione si confrontano dando vita ad un dialogo che fa emergere un’inaspettata vicinanza tra i due gruppi. Il video ha vinto il Plural + Festival a New York, organizzato dall’United Nations Alliance of Civilazation e dall’Organizzazione internazionale dei Migranti.

Io mi chiamo Fuad (2011, 6′ 40”) di Laura Spina e Francesco PainiFuad dà da mangiare a centinaia di torinesi. É nato a Kirkuk, nel Kurdistan iracheno, e ha passato gli ultimi trent’anni in Italia. Il documentario testimonia la tenacia di un uomo che ha portato avanti un progetto scommettendo sulle proprie idee.

Zawabs – musicisti fra terre lontane (aprile 2012, 30′) di Roberto Agagliate. Può la musica essere d’aiuto quando un giovane lascia il proprio paese? “Zawabs” è un breve viaggio fra i pensieri e le musiche di tre musicisti migranti, mescolati ai sogni di una bambina che muove il mondo – mappamondo con le sue piccole mani.

 > LUNEDI’ 28 MAGGIO, ore 20.45, Cinema Massimo (via Verdi, 18)

Cortometraggi IN CONCORSO e PREMIAZIONE

Chissà se lavorare è bello (2011, 8′ 26”). Realizzato dalla classe 5 della Scuola Elementare Cairoli con il Centro di Cultura per l’Immagine e il Cinema di Animazione di ITER. I bambini raccontano i lavori svolti dai loro genitori con la loro naturale freschezza e ingenuità.

Torino multietnica, Shall Save the Human Race! … Pam pa ra ra! (Allen Ginsberg) (2010, 6′ 32”) di Ambra Zambernardi. Le bancarelle di Porta Palazzo e il Balôn di Borgo Dora a Torino costituiscono il più grande mercato all’aperto d’Europa. San Salvario, invece, è il fulcro delle attività imprenditoriali delle comunità immigrate. Attraverso volti, citazioni e attività ordinarie di coloro che lì vivono quotidianamente, leggiamo il mercato (abusivo e non) come primo e più importante canale d’inserimento nel mondo del lavoro di nuovi e vecchi abitanti. Da questa immersione nel tessuto sociale dei due quartieri, il lavoro emerge così come il più nobile veicolo di inclusione sociale, in grado di aggirare lo “sportello informativo per l’immigrazione” e i canali istituzionali dedicati ai migranti, grazie alle innumerevoli risorse dell’ “internet dei poveri”, contribuendo inoltre a sfumare il confine fra legalità e illegalità, fra autoctoni e stranieri, fra residenti e passanti, fra qui e altrove: perché “a Torino ognuno ha il suo pezzo di terra”. Le citazioni raccolte sono state lasciate in lingua originale. Il titolo è un omaggio al poeta Allen Ginsberg.

Ciprian Nour (14/04/2012, 4′ 44”) di Alberto D’AlimonteIl Cortometraggio racconta dell’integrazione in Italia di Ciprian Nour, 21enne di origini romena, trasferitosi a Torino a 13 anni con i genitori. Questo cortometraggio mette in luce non solo come Ciprian si sia integrato in Italia attraverso il lavoro che gli ha consentito di diventare cittadino italiano e di permettersi economicamente di vivere nel nostro paese, ma anche le difficoltà iniziali legate al mondo della scuola e quelle del mondo del lavoro legate alla grave condizione di crisi che colpisce l’economia italiana.

Tom’s story (aprile 2012, 3′ 22”) di Yamuna Jivana Silvia Illuzzi e Alessandro Specchio. La coltivazione e la successiva lavorazione e vendita dei pomodori diventano emblema e metafora della vita degli immigrati. Così come il pomodoro diviene salsa in barattolo, anche colui che emigra è costretto a confrontarsi con una società che anziché accettarlo, lo cambia affinché si adatti a lei. Sarà Tom ad inserirsi nel tessuto sociale facendo l’unico lavoro di cui è capace: essere mangiato, riempire uno stomaco e innestare il cambiamento.

Kaffé Kirkuk (marzo-aprile 2012,  6′ 19”) di Laura Spina e Francesco PainiI clienti del ristorante curdo del centro di Torino si godono la pausa pranzo. Tra cucina, bar e sale si incontrano, per servirli, Italia, Kurdistan Iracheno e Romania. Tra un passaggio di vassoio e la presa di un’ordinazione, in una danza all’ultima cucchiaiata.

Abitare i diritti (dicembre 2010, 8’20”) di Manuel Coser. Abitare i Diritti è un breve viaggio tra due mondi che ogni giorno si sfiorano, ma che più separati non potrebbero essere. Il mondo di chi è nelle condizioni di soddisfare i propri bisogni primari, grazie al lavoro e chi, invece, escluso da quello, è costretto ad arrangiarsi con soluzioni di fortuna. I protagonisti di questi due mondi sono persone uguali tra loro: medesime origini, tradizioni e spesso medesimo percorso, quello travagliato e marginalizzato degli appartenenti alla comunità Rom. Le differenze nelle condizioni dei protagonisti cominciano nel momento in cui alcuni di loro entrano a far parte del percorso di integrazione assistita, offerto dal centro Il Dado, allestito dall’Associazione Terra del Fuoco di Torino.Un lavoro, una casa, sono gli elementi indispensabili, semplici o addirittura scontati per la maggior parte di noi, che trasformano in straordinarie esistenze comuni le vite di persone che altrimenti vivono comunemente al di fuori, appena dietro l’angolo, di tutto ciò che per noi costituisce la normalità. 

La fortuna mi salverà (marzo 2012, 18′) di Alexandra D’Onofrio. A Torino il centro di identificazione e espulsione (Cie) non passa inosservato. É piantato in mezzo a un perimetro di condomini. Centinaia di torinesi ogni mattina si affacciano dai loro balconi sulle gabbie e maledicono il giorno in cui la prigione ha rovinato la reputazione del quartiere. Abderrahim sui balconi invece ci sale per salutare dall’alto gli ex compagni di cella. Dopo essersi fatto cinque mesi al Cie, aver perso la casa e il lavoro, gli sono rimasti più amici dentro che fuori. E per loro cerca di fare il possibile. Li intervista dai microfoni di una radio locale, gli porta la spesa, partecipa ai presidi solidali contro il Cie. Nella speranza che non vengano espulsi, ma che come Amir, Hassan e Mahmoud siano rilasciati, aspettando tempi migliori.

L’ultima parola (2010, 15′) di Riccardo Pasio. Un team leader di un call center e un ragazzo comune rimangono bloccati dentro un ascensore. In quell’angusto spazio nascerà un equivoco che si risolverà solo nel momento in cui l’ascensore ripartirà e si apriranno le porte.

Tajarin  (2012, 08′ 30”) di Stefano Darchino e Giacomo PiumattiDomenico viene assunto in un ristorante tipico piemontese il cui piatto forte sono (appunto) i tajarin. Scoprirà ben presto di essere l’unico italiano a lavorare in cucina. Tenterà quindi di farsi accettare da questa micro-comunità di romeni, in una situazione che pare un’integrazione al contrario…

Il lavoro rende uguali (2012, 5′ 30”) di Luis Fernando Barnini Restrepo. Aidièn, un ragazzo straniero, mentre cammina pensieroso in città trova un annuncio di lavoro come operaio delle pulizie, prende il numero del contatto e ottiene un colloquio. Il datore di lavoro lo osserva con diffidenza,  scrutando il suo aspetto. Dopo aver esaminato il curriculum vitae, comincia a riflettere sul ragazzo e ha una visione che rispecchia lo stereotipo degli immigrati che non trovando lavoro finiscono nei mal-affari, emarginati e con epiloghi spesso tragici. La visione ha come protagonista Tidièn, che finisce accoltellato con un tagliacarte da un tossico. Alla visione della morte di Tidien, il datore di lavoro torna in se e, conscio di poter evitare al ragazzo una fine simile, decide di dargli il lavoro.

Rischio residuo (2010, 13′) di Alessandro NucciUna moderna fabbrica del nord produttivo italiano. Si producono airbag, gli strumenti di sicurezza per le auto. Centinaia di persone trascorrono qui sei ore della propria giornata, in un ambiente luminoso, asettico, sicuro dove si cerca di non lasciare niente al caso. Ma c’è un nemico nascosto: è il rischio residuo derivato dal comportamento umano. Solo quando manager e lavoratori uniscono le forze è possibile avvicinarsi sempre più alla vittoria della battaglia contro l’imprevedibilità.

15° CinemAmbiente, 31 maggio-5 giugno 2012

maggio 18, 2012

Sta arrivando la nuova edizione del CinemAmbiente. Come ogni anno il Festival si struttura con un programma ricco e variegato, sia in termini di tematiche affrontate che di linguaggi utilizzati. 
Saranno presentati durante l’evento circa 100 filmsuddivisi tra le sezioni competitive nazionali ed internazionali (Concorso Internazionale Documentari, Concorso Documentari Italiani, Concorso Internazionale Mediometraggi), i focus tematici, la sezione Ecokids, dedicata al pubblico più giovane, e la sezione Panorama, che approfondisce alcuni temi cardine del festival come la crisi, l’alimentazione e l’energia.

Guarda il video che promuove il Festival sul sito http://www.cinemambiente.it/

27° Torino GLBT Film Festival 19-25 aprile

aprile 18, 2012

Il 27° Torino GLBT Film Festival inaugura la sera del 19 aprile al Lingotto e riempirà le sale del Cinema Massimo fino al 25 aprile.
Info: http://www.tglff.com/

“Good As You” al cinema Massimo

aprile 9, 2012

Appena uscito in sala (a Torino al Cinema Massimo) il film Good As You di Mariano Lamberti rappresenta per i cinefili torinesi un buon antipasto del ricco menù di film a tematica omosessuale che verranno proposti nel 27° Torino GLBT Film Festival in programma dal 19 aprile. La sera di Pasqua, lo stesso Festival e il suo direttore Giovanni Minerba hanno infatti accompagnato Lamberti e il protagonista della pellicola Lorenzo Balducci a incontrare il pubblico nella sala del Museo Nazionale del Cinema, organizzando poi anche una serata al Queever (discoteca La Gare).
Good as you, tratto da un testo teatrale di Roberto Biondi, è una commedia agrodolce che intende “sdoganare” il mondo omosessuale portandolo sugli schermi italiani senza troppi filtri, anzi, non ignorando le maschere e gli stereotipi su cui molti omosessuali costruiscono consapevolmente la propria personalità e la propria immagine. Il film vede anche la partecipazione musicale delle gemelle Kessler in una riuscita rivisitazione di un classico di Carmen Miranda, che ne accompagna i titoli, mentre il resto del cast è composto da Enrico Silvestrin, Daniela Virgilio, Lucia Mascino, Elisa Di Eusanio, Micol Azzurro, Luca Dorigo e Diego Longobardi… gli interpreti sono senz’altro la forza principale di una commedia corale, colorata ma anche amara, un progetto fortemente voluto da un gruppo di produttori privati che merita di essere sostenuto.

Il compleanno di Carlo Lizzani di Salvo N

aprile 3, 2012

Riceviamo e pubblichiamo volentieri questa “lettera” di un amico, dedicata al compleanno di un autore che ha tanto lavorato a Torino, Carlo Lizzani (e al proprio!)

 Questa mattina è vero, ricorre il mio compleanno ma non è del mio che vorrei parlare, anche perchè non è bello auto celebrarsi.
Cosa avrei per le mani, poi, per auto-celebrarmi? Ho sicuramente cose molto importanti come Moglie e Figli, amici, percorsi, ricordi, cose semplici e comuni in fondo.
Certo sono straordinarie per me ma qui non è della mia sfera intima che vorrei parlare perchè mi sarebbe piaciuto aver fatto qualcosa che restasse nella memoria più ampia del mio tempo, e del paese di cui sono ospite (come direbbe un antropologo che non crede al diritto di appartenenza, siamo tutti ospiti!).
Sono un presuntuoso? Forse sì ma qui mi rifaccio a quei sogni che tutti noi da bambini amiamo fare; tipo salvare il mondo da una catastrofe, fare una scoperta scientifica e tecnica di grande rilievo, vincere il Nobel, guidare un velivolo, andare per mare e conoscere le balene, fare un film! Ecco. è di questo che volevo parlare: oggi Carlo Lizzani compie 90anni.
Qualcun’altro nato il 03/04 c’è riuscito a fare del cinema e di quello che ci fa benedire i fratelli Lumiere in eterno per aver inventato e dato all’umanità un mezzo magnifico e immaginifico che tanta importanza ha per tutti noi. Io sono soltanto un amante del cinema, magari uno spettatore attento ma non un esperto e Lizzani ha significato molto per me e certo per tutti noi. Ho amato il suo cinema al di là della stessa data di nascita (l’ho scoperto di recente e proprio per questo l’ho citato in una mia poesia, Transcereales, nella raccolta Checkpoint a Eurolandia [cfr. anche l’ultima raccolta dell’autore, Il corpo del disperso viaggiatore]).
Questa mattina su “La Repubblica” on-line c’è un bell’omaggio con documenti filmici dei suoi grandi capolavori. I suoi film sono stati capaci di parlare di noi italiani con una lucidità estrema senza retorica e facendoci rivivere atmosfere e fatti storici e di costume che ci connotano profondamente senza mai eccedere nella spettacolarità ma ragionando sui passaggi cruciali che portano conseguenze storiche precise (vedi Mussolini ma anche il banditismo o le lotte sociali alle disuguaglianze). Che dire ancora se non grazie e concedermi con fare da rapina un pò di orgoglio (immeritato, certo) per essere nato, come lui il 03 aprile…. del 1954, quando il Maestro compiva 32anni.
Sono consapevole di questo soliloquio ma così è, di più non posso sperare e a me basta! Risulta divertente stare in un mondo che passa indifferente dal bianco e nero al technicolor.

Salvo N.

Presenze femminili nel cinema muto italiano, domani in Bibliomediateca

marzo 27, 2012

Domani, mercoledì 28 marzo, alle 15.00 verrà presentato alla Bibliomediateca Mario Gromo (via Matilde Serao) il fascicolo della rivista Bianco e Nero (n.570) intitolato  “Gesti silenziosi. Presenze femminili nel cinema muto italiano” a cura di Cristina Jandelli e Lucia Cardone. L’appuntamento fa parte della rassegna “Voci dal silenzio” e sarà incentrato sul contributo delle donne allo sviluppo dell’industria e della cultura cinematografica. Il volume di “Bianco e nero” indaga infatti sul lavoro delle numerose donne attive nell’industria cinematografica italiana tra l’inizio del Novecento e i primi anni Trenta: “Quello che emerge è un panorama della storia del cinema profondamente inedito, nel quale i “gesti silenziosi” delle donne che a diverso titolo hanno attivamente contribuito alla nascita e all’affermazione del cinema italiano, trovano nuova concretezza dopo decenni di oblio”. Interverranno all’incontro le curatrici e Giulia Carluccio (Università di Torino), Emiliana Losma (Storica del cinema), Micaela veronesi (Storica del cinema) con l’introduzione di Laura Brusa e Sarah Pesenti Campagnoni (Brigate Irma Vep).

Cinemautismo 2012 (29 marzo/2 aprile)

marzo 24, 2012

L’Associazione Museo Nazionale del Cinema (AMNC) presenta la quarta edizione della manifestazione cinematografica dedicata all’autismo e alla sindrome di Asperger, curata da Marco Mastino e Ginevra Tomei. Il programma completo della rassegna:

► GIOVEDì 29 MARZO
Ore 20.45, Cinema Romano – Galleria Subalpina, Torino
Snow Cake (UK, 2006, 112’) di Marc Evans Anteprima italiana – v.o. sott. it.
Alex è un uomo di mezza età dal carattere chiuso e difficile. Durante un viaggio in macchina dà un passaggio a Vivienne, ma i due vengono coinvolti in un incidente stradale e la ragazza perde la vita. L’uomo crede di dover essere lui stesso a dare la notizia alla madre della ragazza, ma arrivato a destinazione, scopre che la donna è autistica e apparentemente indifferente a ciò che la circonda. Alex decide di fermarsi sino al funerale della ragazza. Intervengono: Dott.ssa Marina Gandione, Coordinatore Centro D.D.P.S – Dipartimento Universitario di Neuropsichiatria Infantile – Ospedale OIRM-Sant’Anna; Tiziana Melo De Acetis, Presidente ANGSA Piemonte Onlus; Stefania Goffi, Referente per il Piemonte del Gruppo Asperger Onlus.

► SABATO 31 MARZO
Ore 18.00, Il Movie – Cineporto – Via Cagliari 42, Torino
Lo sguardo degli Aspie (Italia, 2011, 26’10’’) di Giuseppe Cacace.
Nel 2008 il Cineclub Detour e il Gruppo Asperger Onlus hanno avviato un progetto atto ad incentivare la socializzazione e l’interazione tra giovani Asperger partendo da un comune denominatore: la passione per il cinema. Dopo tre anni di attività, nel corso della stagione 2010 – 2011, quattro dei ragazzi coinvolti nel progetto hanno deciso di affiancare i responsabili del Detour nella gestione del cineclub e di servirsi di una piccola telecamera per documentare la loro esperienza. Intervengono: Giuseppe Cacace, Autore de “Lo sguardo degli Aspie”; Marco Manservigi, Protagonista del progetto “Lo sguardo degli Aspie”.

Ore 20.45, Il Movie – Cineporto – Via Cagliari 42, Torino
After Thomas (UK, 2006, 93’ ) di Simon Shore Anteprima italiana – v.o. sott. it.
Ispirato ad una storia vera. Kyle è un bambino autistico che ha paura di tutto: non dei mostri come i bambini della sua età, ma delle attività di ogni giorno. Non sa come affrontare la realtà e si chiude in se stesso senza riuscire a comunicare con i genitori. Solo quando un cucciolo di golden retriever, Thomas, entra nella sua vita, un mondo completamente diverso si aprirà davanti agli occhi del bambino. Intervengono: Dott. Maurizio Arduino, Responsabile del Centro Autismo e Sindrome di Asperger (C.A.S.A.) – Mondovì ASL CN1; Tiziana Volpi, ANGSA Piemonte Onlus.

► DOMENICA 1 APRILE
Ore 16.00, Hub Multiculturale Cecchi Point – Via Cecchi 17, Torino
Benemalebene (Italia, 2012, 25’) di Federico Valente e Mario Cristina
Cortometraggio di animazione in stop-motion realizzato da un ragazzo autistico insieme al suo educatore. L’opera narra le avventure di un cane e di un gatto che riusciranno a sconfiggere l’amico diventato malvagio e a far tornare la serenità nelle loro esistenze. Intervengono: Mario Cristina,Co-autore di “Benemalebene”; Federico Roggero, Co-sceneggiatore di “Benemalebene”; Beppe Quaglia, Cooperativa Valdocco; Dott.ssa Patrizia Gindri, Responsabile del Servizio di Psicologia del Presidio Sanitario San Camillo di Torino.

Ore 17.45, Hub Multiculturale Cecchi Point – Via Cecchi 17, Torino
Neurotypical (USA, 2010, 88’) di Adam Larsen Anteprima italiana – v. o. sott. it.
Documentario che racconta l’autismo attraverso gli occhi di persone appartenenti allo spettro autistico. Esplorando le differenze comportamentali e percettive degli intervistati, viene messa in discussione la definizione di “normale” comunemente accettata nella nostra società. Intervengono: Dott. Roberto Keller, Psichiatra – Ambulatorio disturbi pervasivi dello sviluppo in età adulta ASL TO 2; Oretta Lippi, ANGSA Piemonte Onlus; Stefania Goffi, Referente per il Piemonte del Gruppo Asperger Onlus;

Ore 20.45, Hub Multiculturale Cecchi Point – Via Cecchi 17, Torino
Ben X (Belgio, Olanda, 2007, 93’) di Nic Balthazar
Ben guarda il mondo attraverso il proprio alter ego Ben X, protagonista del gioco di ruolo online a cui il ragazzo partecipa e nel quale è un guerriero abile e fortissimo. Giocando, Ben X conosce Scarlite, ragazza con cui stabilisce un legame e che potrebbe diventare “reale” visto che lei, intuendo dei problemi, decide di andarlo a trovare. I problemi in effetti per Ben sono nella vita vera: a scuola è vittima di bullismo perché parla poco e non riesce ad interagire. La sua reazione sarà radicale…
Intervengono: Giusi Marchetta, Autrice de “L’iguana non vuole”, Rizzoli editore, 2011; Rita Porretto, Co-autrice de “Dr. Morgue” edizioni Starcomics, 2011-2012; Dott.ssa Patrizia Gindri, Responsabile del Servizio di Psicologia del Presidio Sanitario San Camillo di Torino; Stefania Goffi, Referente per il Piemonte del Gruppo Asperger Onlus; Arianna Porzi, Referente progetti scolastici ANGSA Piemonte Onlus

► LUNEDì 2 APRILE
Ore 20.45, Cinema Massimo – Via Verdi 18, Torino
-Mon petit frère de la lune (Francia, 2007, 5’53’’) di Frédéric Philibert – v.o. sott. it.
In questo cortometraggio d’animazione una ragazzina cerca di spiegare perché il suo fratellino autistico non è proprio “uguale” agli altri bambini.
-Simple Simon (I rymden finns inga känslor Svezia, 2010, 85’) di Andreas Öhman v.o. sott. it.
Simon ha 18 anni ed ha la sindrome di Asperger. A causa di questo disturbo, per far funzionare la sua vita, ha bisogno di strutture sicure e di schemi prevedibili assicuratigli da Sam, il fratello maggiore. Questa vita controllata e metodica viene però improvvisamente sconvolta quando Sam viene lasciato dalla fidanzata e inizia quindi ad essere scostante e di cattivo umore. Per riportare tutto alla “normalità”, Simon, che non comprende appieno l’amore e le emozioni, decide di mettersi alla ricerca di una nuova ragazza per Sam. Intervengono: Dott.ssa Francesca Vinai, Centro per l’Autismo e la Sindrome di Asperger – Mondovì, ASL CN1; Pietro Cirincone, Vicepresidente del Gruppo Asperger Onlus; Bianca Caccamese, Comitato Siblings Onlus;

Per informazioni
info@cinemautismo.ithttp://www.cinemautismo.it
info@amnc.ithttp://www.amnc.it

Piemonte Movie G-Local Film Festival

marzo 10, 2012

Torna dal 6 all’11 marzo in diverse sale di Torino (Cineporto, Centrale, Massimo) e Moncalieri e il festiva g-locale che presenta ogni anno una selezione delle opere prodotte in Piemonte, con una particolare attenzione per il cinema del reale: l’edizione 2012 è infatti dedicata alle “badlands” (springsteeniane), alle periferie e a figure marginali come quelle dei migranti, o come gli operai sempre meno sostenuti dalla nostra società. Da non perdere alla retrospettiva dei lavori di Daniele Gaglianone

Il programma completo del festival:

febbraio 23, 2012

giovedì 23 febbraio 2012, ore 22.00 – Cinema Romano (Galleria Subalpina, Torino)

PIEMONTE MOVIE gLOCAL FILM FESTIVAL 2012

presenta

 anteprima nazionale del documentario sulla tragedia del Cinema Statuto

 Sale per la capra

di Fabrizio Dividi, Marta Evangelisti e Vincenzo Greco

(Italia, 2011, DVD, 60’, col.)

Ospiti della serata alcuni protagonisti del documentario

 

Ingresso su prenotazione chiamando il numero 393/44.04.987. 
Replica: Venerdì 9 marzo, ore 17.00 – Sala Il Movie, Cineporto (Via Cagliari 42 – Torino).

INFO: www.piemontemovie.com – www.dinamovie.com 

Too short to wait – Anteprima Spazio Piemonte 2012

febbraio 1, 2012

 160 corti in 6 giorni: dall’1 al 6 febbraio torna nella formula ormai consueta l’anteprima dei cortometraggi tra cui verranno selezionati i 30 partecipanti al concorso del Piemonte Movie gLocal Film Festival di marzo. Tutte le proiezioni avveranno presso “Il Movie” al Cineporto di via Cagliari 42. Come ogni anno, anche il pubblico può dire la sua votando i corti in proiezione: non mancate!

Il programma completo :

mercoledì 1 
giovedì 2
venerdì 3
sabato 4
domenica 5
lunedì 6

L’industriale di Montaldo nei cinema

gennaio 13, 2012

Pierfrancesco Favino e Carolina Crescentini sono i protagonisti del nuovo film di Giuliano Montaldo, L’industriale, che esce oggi in tutta Italia e che questa sera (venerdì 13) verrà presentato dallo stesso regista al Cinema Massimo di Torino: la pellicola è stata infatti interamente girata in Piemonte, tra Pinerolo, Avigliana e Torino, una città sempre più cinematografica e molto ben fotografata, con toni cupi, da Arnaldo Catinari, come si può vedere dal trailer del film.

qui si può leggere una recensione del film.

Jaco Van Dormael e Sir Alan Parker al Sottodiciotto

dicembre 11, 2011


Foto realizzate da Federico Rusich.